Il lavoro di preparazione del nuovo Antifonale si è svolto in tre tappe successive:

  1. preparazione e scelta dei testi dei brani musicali (antifone, inni, responsori) e loro disposizione in tutto il ciclo dell’anno liturgico;

  2. studio delle fonti musicali manoscritte e restituzione melodica;

  3. codifica digitale e impaginazione.

  1. TESTI

Il testo delle antifone proposte è stato tratto nella maggioranza dei casi dal Corpus Antiphonalium Officii. Dal momento che lo schema B è una creazione moderna, non è stato possibile eliminare del tutto le antifone di nuova composizione provenienti quasi tutte dallo Psalterium monasticum (Solesmes, 1981), ma il loro numero è stato considerevolmente ridotto a favore di testi autentici.

Per i responsori brevi, conformemente alle scelte dell’Antifonale monastico di Solesmes 2005-2007, si è proposto il testo critico solo per i pochi responsori brevi antichi, mentre per gli altri il testo è quello della Nova Vulgata.

Per quanto riguarda il testo degli inni, invece, si è ritenuto preferibile ritornare a quello di AM 1934 e dei Breviari editi per l’Ordine di San Benedetto, corretto solo nei punti dove esso si discosta dal testo originale, sulla base delle edizioni critiche attualmente disponibili (Analecta Hymnica, Walpole, Corpus Christianorum, etc.), anziché adottare il testo degli inni della Liturgia Horarum e del Liber Hymnarius, questo per una scelta coerente con il metodo di lavoro impostato per l’intera opera.

Per ogni testo è stato indicato l’autore, il riferimento biblico o patristico o la datazione della fonte recepita, quando conosciuti.

  1. MELODIE

Grazie al consiglio concorde di musicologi esperti, si è individuato il seguente criterio di fondo che permettesse di giungere ad una restituzione melodica con carattere di scientificità, ossia il più oggettiva possibile: per ogni brano, si è scelto sempre un solo manoscritto e se ne è trascritta fedelmente la versione melodica, senza apportare correzioni o interpolazioni provenienti dal altre fonti.

Nella maggior parte dei casi (circa 2/3 delle antifone) è stata restituita la versione melodica di Hartker (S. Gallo 390-391), unanimemente riconosciuto come il più autorevole manoscritto dell’Ufficio con notazione musicale, sia per la sua antichità — è la più antica fonte dell’Ufficio con notazione musicale, risalente agli anni 980-1011 — che per il valore della sua versione melodica e ritmica. Per la restituzione delle melodie adiastematiche di Hartker ci si è avvalsi della consultazione e del confronto di una trentina di manoscritti diastematici provenienti da tutta Europa; tra i principali si annoverano: Karlsruhe 60 e SG 6, Aachen 20, Utrecht, Einsiedeln 611, Klosterneuburg 1012-1013, Metz 83, Benevento 21, Toledo 44.1 e 44.2, Worcester F 160, Saint-Maur des Fossés (Paris BnF lat. 12044), Saint-Denis (Paris BnF lat. 17296), Piacenza 65, Lucca 602, Firenze arcivescovado.

Nel caso in cui un’antifona non fosse presente in Hartker si è cercato di raccogliere il maggior numero possibile di fonti manoscritte– in questa fase è stato un prezioso aiuto il database ‘Cantus’ dell’università di Waterloo, Canada– e si è trascritta la versione melodica considerata migliore per rappresentanza dell’insieme della tradizione, per antichità e valore della tradizione di appartenenza, per qualità musicale in riferimento alla resa esegetica del testo. In questi casi, tuttavia, vista la provenienza assai differenziata delle fonti, è stato necessario accettareun minimo di uniformazione delle trascrizioni, soltanto limitatamente ai contesti seguenti:

  1. correzione delle imprecisioni semitonali presenti in alcune fonti (soprattutto di area germanica, ma non solo), grazie al confronto con fonti in questo ambito notoriamente più precise, in particolare quelle di area beneventana e aquitana;
  2. uniformazione della cadenza dei modi I e VII nei casi di parole proparossitone: questa cadenza, che riceve frequentemente in Hartker e nelle fonti germaniche un pes ornamentale sulla sillaba postonica, in quelle dell’Europa occidentale conclude invece spesso in tono retto. Si è scelto di conservare quasi sempre, in questi casi, l’uso di Hartker e delle fonti di area germanica.
  3. qualche rarissima correzione si è ritenuta opportuna nel caso in cui il manoscritto prescelto si discosti per un dettaglio musicalmente non convincente da tutto il resto della tradizione manoscritta.

Studiando i Tonari antichi — Reginone di Prüm, Metz 351, Hartker, Gaillac — nel corso della preparazione delle melodie, ci si è accorti che esiste un gruppo di antifone la cui cadenza finale differisce da quella che il tono salmodico ad esse assegnato richiederebbe secondo la teoria dell’Octoechos. Dal momento che quasi sempre è possibile trovare qualche testimonianza diastematica, sebbene rara, a sostegno delle indicazioni dei Tonari, si è scelto di restituire la cadenza finale allo stato originario e, per evitare un errore nell’intonazione, si è aggiunta una piccola rubrica in corsivo al termine dell’antifona per ricordarne la particolarità; ad esempio, un’antifona con cadenza finale in re ma classificata in altro modo, recherebbe al termine una rubrica del tipo: A/ finitur I modo.

Per quanto riguarda gli inni, la melodia è stata scelta fra le trascrizioni raccolte da Bruno Stäblein nel volume di Monumenta Monodica Medii Ævi dedicato agli inni e tra quelle che si trovano nei tableaux dell’Abbazia di Solesmes preparati in vista dell’edizione dell’Antifonale monastico del 1934, dei quali è stata gentilmente concessa la consultazione. Nei casi in cui non è stato possibile individuare una versione melodica valida, si è conservata quella del Liber Hymnarius.

Per documentare il lavoro di restituzione melodica svolto, è stato inserito al termine di ogni volume, nella sezione degli indici, l’elenco completo delle fonti manoscritte e a stampa consultate e, per ogni brano, il riferimento – completo di foliazione o paginazione – della fonte scelta e trascritta nel caso specifico.

Infine, nella trascrizione in notazione quadrata, si sono consapevolmente conservati i segni ritmici classici (punctum mora, episemi), perché li si è ritenuti validi ausili ai fini di una più corretta e concorde esecuzione ed ad una più penetrante interpretazione esegetica deitesti cantati nello spirito della tradizione ecclesiale, soprattutto per le comunità monastiche che non avessero la possibilità di accostarsi direttamente alle fonti manoscritte per trarne le indicazioni ritmico-agogiche necessarie per il canto.

  1. CODIFICA DIGITALE DELLA MUSICA E IMPAGINAZIONE

In un’edizione così particolare come quella di un antifonale monastico, i problemi posti dalla trascrizione digitale delle melodie e dall’impaginazione complessiva del libro non sono inferiori, per complessità, a quelli posti dagli studi precedentemente descritti. È necessario infatti disporre di un programma moderno e flessibile che permettada un lato di realizzare a computer con precisione e qualità tipografica modifiche e rifiniture anche molto fini (cfr. ad es. il problema delle articolazioni neumatiche), dall’altro, data la mole del lavoro, di automatizzare il maggior numero possibile di procedure legate all’impaginazione globale del libro, indici compresi, per ridurre al minimo le possibilità di errore legate alla compilazione manuale.

Il programma scelto per la codifica digitale delle musiche, Gregorio, è parso il migliore disponibile oggi sul mercato globale. Esso presenta numerosi vantaggi a fronte, ci sembra, di un’unica difficoltà:

  1. È un programma open source, disponibile gratuitamente on line per chiunque desiderasse servirsene;
  2. È un programma assai flessibile che permette all’utente, con un po’ di pratica, ampio margine di personalizzazioni e di modifiche;
  3. È un programma ‘giovane’ e vivo, in continuo sviluppo;
  4. Appartiene ad un software di composizione tipografica completo e professionale che permette di gestire sia la parte di codifica musicale vera e propria (tramite il ‘pacchetto’ GregorioTeX) sia il lavoro dell’impaginazione, sfruttando l’enorme versatilità e la grande qualità, ormai provata da decenni di esperienza, del sistema TeX.

La principale difficoltà consiste nel fatto che è un programma, come si dice, WYSIWYM (WhatYouSeeIsWhatYouMean, “ciò che vedi è ciò che intendi”), cioè non dotato diun’interfaccia grafica che permetta di agire direttamente sulla pagina che si sta componendo, come ad esempio accade in comuni word processors come Microsoft Word o in programmi di scrittura musicale come Finale o Sibelius che si dicono invece WYSIWYG (WhatYouSeeIsWhatYouGet, “ciò che vedi è ciò che ottieni”). Basta comunque un poco di pratica per ‘aggirare gli ostacoli’!

Cogliamo l’occasione di ringraziare pubblicamente, in questa sede, tutto il team degli sviluppatori del Gregorio-project, che ci ha fornito costantemente e con ammirevole e generosa dedizione un preziosissimo supporto ed aiuto, e che ha perfezionato proprio in vista della presente edizione le ultime versioni del software.

Il primo volume dell’Antifonale Monastico di Praglia è stato composto integralmente con la versione 4.2 di Gregorio e la distribuzione TeXLive 2016.