L’ospitalità benedettina è un’esperienza pienamente spirituale, umana e culturale: una piccola finestra sul chiostro della vita per contemplare il senso del cammino nell’orizzonte infinito della speranza, ascoltando il silenzio del cuore nella comunione della Parola.

Tutti gli ospiti che sopravvengono siano accolti come Cristo perché lui stesso dirà:

Sono stato ospite e mi avete accolto

S. Benedetto, seguendo la tradizione monastica dedica il cap 53 della sua Regola al tema dell’accoglienza degli ospiti; i monaci hanno fatto di questo capitolo un tratto caratteristico della loro vita. In passato l’ospitalità era rivolta in gran parte a poveri e pellegrini, ma oggi sembra avvertirsi maggiormente un bisogno di raccoglimento e di ricerca spirituale da parte dell’uomo moderno, per cui i monasteri sono diventati sempre più luoghi di accoglienza e di risposta verso queste esigenze.

La nostra ospitalità è solo di carattere spirituale, cioè accogliamo tutti coloro (uomini, donne, giovani, e sacerdoti) che intendono trascorrere presso il nostro monastero alcuni giorni di preghiera e di ritiro spirituale. Ad essi diamo la possibilità di condividere la nostra vita nella partecipazione al ritmo della giornata dei monaci fatto di preghiera, di lavoro, di studio, e di silenzio.

Per scouts e gruppi che si autogestiscono abbiamo una foresteria esterna con 18 posti letto, cucina e sala da pranzo. Anche se la disponibilità di locali è grande, tuttavia allo scopo di favorire fra gli ospiti un costante clima di raccoglimento, la nostra ospitalità rimane limitata.

Su richiesta, si organizzano corsi di esercizi per sacerdoti, religiosi e seminaristi.

Per informazioni, telefonare al n. 049.99.99.322 oppure 049.99.99.300 tutti i giorni 9.00-12.00 / 15,30-18.00 (escluso il giovedì pomeriggio) chiedendo del foresterario.

E-mail: foresteria@praglia.it